Little Britain, un fenomeno televisivo

little britain

Una galleria di personaggi uno pi√Ļ strambo dell’altro, tutti interpretati dagli stessi due attori: mezzo mondo ha riso dei bizzarri inglesi di Little Britain. Nato in radio e passato in televisione nel 2003, lo show (ora archiviato) passer√† alla storia della BBC

Little Britain √® subito diventato un fenomeno televisivo sin dal debutto alla BBC nel 2003. Si tratta di uno show di 30 minuti fatto di sketch e viene presentato come una guida per gli stranieri. Il narratore √® Tom Baker. Senza dubbio l’Inghilterra rappresentata nel programma √® un luogo bizzarro. Ci sono travestiti incompetenti, vecchie signore incontinenti, ragazzine obese e un omosessuale gallese. Molte persone considerano questo genere di umorismo troppo estremo e la critica ha accusato Little Britain di aver avuto un atteggiamento troppo snobistico nei confronti della classe lavoratrice. Il programma √® molto popolare anche all’estero.

La cosa pi√Ļ notevole di Little Britain √® il fatto che √® scritta e recitata dagli stessi due attori, Matt Lucas e David Walliams. Il produttore, nonch√® regista, dello show √® Geoff Posner. Ha una grande carriera nella televisione inglese avendo diretto altre famose commedie come Not the Nine O’Clock News agli inizi degli anni 80 (che ha lanciato Rowan Atkinsonm diventato poi una mega star in Mr. Bean), The Young Ones, French&Saunders e Harry Enfield’s Television Programme. Posmer afferma: ” Credo che scrivere e allo stesso tempo recitare offra la commedia migliore e lavorare con soltanto due persone √® veramente interessante. Si ottiene questa incredibile alchimia”. Posner √® il primo ad ammettere che fu sorpreso dal grande successo del programma. Spiega: “Per quanto riguarda il linguaggio, √® molto forte. I telespettatori pi√Ļ maturi erano spesso scioccati, ma tra le nuove generazioni √® stato un successo”.

[Articolo tratto dal mensile SpeakUp. Traduzione di Alessia Angeli]


Argomenti: , ,

Ritieni questo post utile o interessante?
Condividi

Leggi anche:

  • Non ci sono articoli correlati

Rispondi al post