Kirk Cameron, da idolo delle ragazzine a fanatico della religione

kirk cameron

Che fine ha fatto la star di Genitori in blue jeans, idolo delle ragazzine negli anni ‘90? Ha scoperto la fede ed è diventato un ministro della religione battista! Un pò omofobo, creazionista convinto e repubblicano …

Kirk Thomas Cameron nasce a Los Angeles il 12 ottobre 1970. I suoi genitori erano grandi fan di Star Trek e chiamarono il figlio Kirk in onore del Capitano Kirk! Il giovane Kirk iniziò a recitare da piccolo. La sua prima apparizione televisiva fu all’età di 9 anni. Prese parte anche ad alcuni show televisivi, ma la sua carriera decollò soltanto nel 1985 quando ottenne una parte in una sitcom di successo.

Genitori in blue jeans (Growing Pains) era lo show e Kirk recitava la parte di Mike Seaver. La serie TV, che andò avanti fino al 1992, raccontava la storia di una famiglia di New York, i Seavers. I personaggi principali erano il padre Jason, uno psichiatra, la madre Maggie, una giornalista, e i loro tre figli Mike, Carol e Ben. Più tardi arrivò la sorellina Chrissy. Nel 1991 lo show mostrò al mondo un nuovo attore quando il giovane Leonardo Di Caprio assunse il ruolo di Luke.

Ma a quei tempi le teenagers che guardavano Genitori in blue jeans avevano occhi soltanto per Mike, il personaggio interpretato da Kirk Cameron. Il suo viso comparve sui poster nelle stanze di tutto il mondo. Kirk aveva un futuro promettente come attore, cosa accadde?
Kirk proveniva da una famiglia di atei e, quindi, non credeva in Dio. Scoprì la religione durante il periodo di Genitori in blue jeans. Si unì alla Chiesa Battista e divenne persino ministro. Ciò creò dei problemi con i produttori dello show. Kirk chiese più volte che venisse cambiata la sceneggiatura poichè la considerava incompatibile con la sua visione del mondo.

La religione è ora il centro della sua vita. Kirk non è soltanto un ministro, ma recita - e produce - video religiosi con titoli come “Monumental” e “Fireproof”. Inoltre conduce uno show religioso alla radio. E’ sposato con Chelsea Noble e hanno sei figli, quattro dei quali sono stati adottati.

Se volete saperne di più sull’inusuale storia di Kirk Cameron visitate il suo sito web kirkcameron.com.

growing pains

[Articolo tratto dal mensile SpeakUp, settembre 2013. Traduzione di Alessia Angeli]


Argomenti: , , ,

Ritieni questo post utile o interessante?
Condividi

Leggi anche:

  • Non ci sono articoli correlati

Rispondi al post