Il valore del fallimento

success and failure
Quanto pu√≤ permettersi di sbagliare un’azienda, in termini di strategie? Dipende dal settore in cui opera. Nel settore dell’innovazione (start-up) ogni fiasco √® una lezione che aiuta a migliorare. Per le aziende solide e affermate invece commettere errori pu√≤ costare caro. E quando si vuole cambiare, meglio procedere con grande cautela

[Articolo scritto da Ron Ashkenas, advisor e coach di senior leaders]

Per molti di noi accettare un fallimento √® una parte inevitabile per raggiungere il successo. Per esempio, quando impariamo a sciare, dobbiamo cadere numerose volte prima di essere in grado di sciare abilmente gi√Ļ per la montagna.

I RISCHI DI GESTIONE

Tuttavia, ci sono delle volte in cui il fallimento non è una cosa buona, ad esempio come quando dobbiamo far fronte alla scadenza di un cliente o dobbiamo ottenere un livello di qualità competitivo. Sfortunatamente molti manager non sono in grado di distinguere quando il fallimento può essere uno strumento valido da cui trarre insegnamento, oppure quando questo può essere seriamente dannoso. Questa insicurezza impedisce ai dipendenti di scegliere serenamente se correre dei rischi sperimentando cose nuove, oppure se rimanere sul sicuro.
Per manager e impiegati la chiave per muoversi correttamente √® capire se l’azienda √® in modalit√† “innovation” o “execution“.

MODALIT√Ā INNOVATION

Mi sono ricordato di questa differenza mentre mi trovavo ad insegnare nella Silicon Valley lo scorso anno. Come tutti sanno, l’area tra San Francisco e San Jose possiede migliaia di start-up, cos√¨ come dozzine di avamposti innovativi fondati da aziende solide. Parlando con le persone coinvolte in questi sforzi innovativi, ci√≤ che colpisce non √® la loro descrizione del successo, ma quella dell’insuccesso che li ha aiutati lungo il cammino. Nella Silicon Valley (e in altri focolai di innovazione) l’insuccesso √® oggetto di vanto e un pre-requisito per il successo - quindi non qualcosa di cui vergognarsi. Per questi innovatori un’azienda e una carriera di successo richiedono una serie continua di rapidi esperimenti, test e ipotesi . il che significa che nessuno agisce correttamente la prima volta (o la seconda, o la terza). Come risultato, l’insuccesso √® altamente valutato.

MODALIT√Ā EXECUTION

In contrasto, le societ√† solide con cui ho lavorato per gran parte della mia carriera si focalizzano sull’eseguire ci√≤ che gi√† conoscono piuttosto che provare qualcosa di innovativo. E quando si presenta un fallimento, questo pu√≤ danneggiare i risultati o la reputazione e creare dei rischi. Quindi, quando i manager si focalizzano sull’esecuzione affermano che il fallimento fa parte del gioco, ma in realt√† non lo pensano veramente.

LA VERA SFIDA

La versa sfida per i leader √® di non accettare il fallimento, ma nemmeno rifiutarlo; devono fare, invece, una distinzione tra la innovation mode e la execution mode. Essere in modalit√† execution significa che le pratiche standard sono state sviluppate, e necessitano di essere migliorate con minori deviazioni possibili. Questi miglioramenti devono essere fatti attentamente ed esplicitamente, sotto condizioni controllate, in modo che le operazioni di base non vengano interrotte. L’insuccesso deve essere minimizzato o eliminato.

ACCERTARSI

La modalit√† innovazione, dall’altro lato, √® quando gli standard non esistono e le pratiche migliori sono in continua scoperta e verifica. In questo genere di situazione √® importante provare nuove idee, formati e processi - e permettere il verificarsi dell’insuccesso - per imparare cosa funziona e cosa non funziona. Una volta che il fulcro diventa chiaro, i manager possono comunicare pi√Ļ facilmente a proposito dell’atteggiamento che dovrebbe essere portato avanti per combattere l’insuccesso.
La ragione per cui in molte aziende solide fanno fatica a rapportarsi con l’innovazione √® che si portano sempre dietro le mentalit√† esecutiva e, quindi, non incoraggiano l’insuccesso che, al contrario, √® necessario per imparare, per crescere e per comprendere ci√≤ che funziona. Ma prima che voi puniate o celebriate l’insuccesso, assicuratevi di sapere cosa state tentando di realizzare facendo ci√≤.

[Articolo tratto dal mensile SpeakUp, aprile 2015. Traduzione di Alessia Angeli]


Argomenti: , , ,

Ritieni questo post utile o interessante?
Condividi

Leggi anche:

  • Non ci sono articoli correlati

Rispondi al post