La potenza delle Cascate del Niagara

niagara falls
La parte grande e maestosa in Canada, quella più piccola e raccolta negli Stati Uniti. A cavallo del confine tra i due stati, la bellezza mozzafiato delle cascate del Niagara è uno spettacolo indimenticabile

Il battello si muove in avanti e le persone iniziano a gridare quando vengono inzuppate dai pesanti spruzzi d’acqua. I turisti a bordo della Hornblower si stanno avvicinando alle cascate più famose al mondo: le cascate del Niagara. “Niagara” deriva dalla lingua irochese (pellerossa d’America) e vuol dire “stretto di terra” - quest’area, infatti, ha formato uno stretto passaggio tra due grandi laghi: il Lago Ontario e il Lago Eerie.

Le cascate del Niagara sono formate da tre cascate, a cavallo tra gli Stati Uniti e il Canada. Le spettacolari Horseshoe Falls si trovano maggiormente nel lato canadese, mentre le American Falls e le più piccole Bridal Veil Falls sono nel lato americano. Entrambi gli stati condividono le responsabilità per la gestione delle cascate, così come dividono le preziose risorse dell’approvvigionamento dell’acqua e dell’energia idroelettrica.
Sul lato canadese la città di Niagara Falls ospita circa 83,000 abitanti. Ma altri 12 milioni di individui vi giungono ogni anno, molti dei quali sono americani che vivono appena il confine.

Niagara Park offre ai visitatori un’ampia gamma di attrazioni turistiche e di attività all’aperto. Non sono in molti a sapere che si tratta di una zona di vigneti con ottime enoteche e deliziosi ristoranti. Molti turisti vengono qui per vivere un’avventura, ma c’è posto anche per il romanticismo: fin dagli inizi del 20° secolo, Niagara Falls è stata contrassegnata come la “capitale mondiale della luna di miele”.

L’aumento del turismo, tuttavia, ha avuto anche un riscontro negativo. Alcuni grattacieli nella parte canadese fanno apparire le cascate più come un parco attrazioni piuttosto che una meraviglia naturale.

Per alcuni ammirare lo spettacolare scenario non basta: personaggi spericolati hanno cercato di attraversare o discendere le cascate del Niagara fin dal 1829. Oggi le pesanti multe e la minaccia di arresto bastano per scoraggiare anche i più drogati di adrenalina.

Il 15 giugno 2012 Nick Wallenda è stato il primo (dal lontano 1896) ad aver attraversato (camminando) le cascate. Ricevette un permesso speciale da entrambi i governi per poter camminare per un totale di 550 metri da una parte all’altra di un cavo che attraversava le cascate. Wallenda è partito dal lato americano, e si è dovuto portare dietro il passaporto per mostrarlo agli ufficiali canadesi quando è giunto dall’altro lato.

Osservare le cascate del Niagara non costa nulla, ma le attrazioni non sono gratuite. Per maggiori info su trasporti, alloggi e costi delle attrazioni visitate i seguenti siti web:

www.niagaraparks.com
www.niagarafallstourism.com
www.tourismniagara.com

[Articolo tratto dal mensile SpeakUp, gennaio 2015. Traduzione di Alessia Angeli]


Argomenti: , ,

Ritieni questo post utile o interessante?
Condividi

Leggi anche:

  • Non ci sono articoli correlati

Rispondi al post